#Schifidaspiaggia appuntamenti lucani Spiagge e fondali puliti 2016

Un tappeto multicolore verde, bianco, azzurro e rosa di rifiuti. È quello che si trova su molte spiagge italiane, dove al posto delle conchiglie a farla da padrone sono rifiuti spiaggiati, o gettati consapevolmente, di ogni forma, genere, dimensione e colore come bottiglie, mozziconi di sigarette, calcinacci, stoviglie usa e getta, e poi tante bastoncini di plastica colorata, ciò che rimane dei cotton fioc passati dal water per arrivare in mare e sulla spiaggia. È quanto emerge dall’indagine “Beach litter” che ha monitorato 47 spiagge italiane, comprese quelle lucane in provincia di Matera: il lido di Policoro, il lido San Teodoro a Pisticci e il lido Onda Libera a Scanzano Jonico.

Rapporto nazionale ISPRA Pesticidi nelle Acque 2016: “Fondamentale rafforzare i controlli. Chiediamo alla Regione Basilicata di adottare misure specifiche per la riduzione di pesticidi pericolosi”

“È fondamentale rafforzare i controlli dotando l’Arpab di sistemi di analisi efficienti a garanzia di una rete di monitoraggio sempre più strutturata, senza dimenticare il ruolo centrale delle Regioni nell’applicazione del Piano d’azione  nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN). Al governo regionale chiediamo di adottare al più presto misure specifiche per la riduzione di presenza nell’ambiente di pesticidi pericolosi per l’ambiente  acquatico, nonché di attivare gli osservatori fitosanitari  regionali affinché diano assistenza e informazione alle aziende  agricole”.

Goletta Verde 2015: i risultati della campagna di monitoraggio

Dalle foci dei fiumi arriva a mare un carico inquinante troppo elevato, con evidenti problemi per la salvaguardia dell’ecosistema marino. Due dei tre campionamenti effettuati lungo le coste della Basilicata hanno evidenziato cariche batteriche elevate. Nello specifico, fortemente inquinato è stato giudicato il campionamento effettuato alla foce del canale Bufaloria, in località Lido Torre a Scanzano Jonico, mentre il giudizio è di "inquinato" per la foce del fiume Basento a Torre a Mare di Metaponto. Nei limiti di legge il prelievo effettuato presso la spiaggia di Calaficarra a Marina di Maratea.

Dossier cattive acque: il fiume Basento da monitorare

Il 2015 è l’anno previsto dalla direttiva 2000/60 per il raggiungimento degli obiettivi di buona qualità delle acque, una scadenza a cui il nostro Paese arriva con grande ritardo. In occasione del 22 marzo, Giornata mondiale dell’acqua, Legambiente ripercorre da nord a sud le principali vertenze in cui l’associazione è impegnata ma anche le esperienze positive su cui si sta lavorando, nel dossier “Cattive acque” a dimostrazione che oggi è possibile mettere in campo una seria politica di risanamento e corretta gestione delle risorse idriche.

Allegati:
Scarica questo file (dossier_cattive_acque_-_2015_-_def.pdf)Dossier cattive acque_20152640 kB