Giustizia è fatta: Il generale Di Palma è il Commissario del Parco Nazionale dell'Appennino Lucano

17 dicembre 2018

Legambiente: "Giustizia è fatta, ma è solo l'inizio"

Il ministero dell'Ambiente ha azzerato i vertici del Parco Nazionale dell'Appennino Lucano e ha finalmente nominato il Commissario come Legambiente chiedeva ormai da diversi mesi.

Il neo Commissario, il generale Alfonso Di Palma, persona di grande equilibrio e profonda umanità, in qualità di comandante della Legione Carabinieri «Basilicata» da gennaio 2016 fino a giugno scorso, non ha mai mancato di dimostrare in modo tangibile la sua viva sensibilità sulle questioni ambientali della nostra Regione, come la stessa Legambiente ha potuto in più occasioni constatare. Pertanto non nutriamo dubbi che nel suo nuovo incarico di Commissario Straordinario del Parco dell'Appennino Lucano saprà profondere, insieme ai suoi collaboratori, tutto l'impegno e la competenza necessari per rimettere sui giusti binari, nel più breve tempo possibile, un Ente che ha una funzione strategica nelle politiche di conservazione e sviluppo locale sostenibile anche per la compresenza, nello stesso territorio, delle attività petrolifere.

Legambiente, come è noto, ha chiesto con forza per quasi un anno questo epilogo, esponendosi apertamente contro il sistema di potere che si era impadronito dell'Ente Parco imponendo ad esso una gestione largamente improntata all'illegittimità e incurante degli interessi del territorio. Per contro abbiamo dovuto subire attacchi a mezzo stampa, tentativi volgari di screditamento, accuse di perseguire interessi personali che abbiamo sempre rispedito al mittente perché rivendichiamo la nostra identità di ambientalisti liberi da ogni condizionamento ed interesse di parte che non sia quello della salvaguardia e dello sviluppo sostenibile del territorio.  

Adesso non ci interessa dire che avevamo ragione, non ha importanza sostenere che abbiamo vinto, perché la nostra vittoria non può limitarsi all'allontanamento di chi ha fatto scempio della legalità e della cura del territorio, condizione certo necessaria ma non sufficiente per rendere il Parco il motore di un territorio in grado di assumere la tutela e la valorizzazione delle sue risorse naturali come paradigmi strategici di riferimento. Il commissariamento è il primo passo, ma l'obiettivo finale per noi è chiaro ed è l'ora di perseguirlo.